Hand Made, Moda

Nel cuore di Testaccio, le creazioni di BancoTrentaquattro

10 Aprile 2019

Adoro passeggiare tra i banchi dei mercati rionali, soprattutto quando l’esperienza dello shopping è totale: dalla frutta alla verdura di stagione, all’acquisto di cibi esotici, alla particolarità dell’ offerta di alcuni banchi, che non potrete non notare. E’ questo il caso del Mercato di Testaccio, sito nel famoso quartiere romano, e delle creazioni sartoriali di Bancotrentaquattro.

Ida, Reneè e Marta sono le splendide proprietarie di questo spazio

Lavorare con le proprie amiche deve essere una cosa molto bella.

Vi conoscevate già prima di questa esperienza o è stata una conoscenza successiva?

La nostra è un amicizia che è passata indenne attraverso gli anni, i sogni e la vita. Pensa che Reneè ed io (Ida) facevamo le raccattapalle per i nostri genitori tennisti e Marta era una compagna di classe.

Chi di voi è il braccio, chi la mente, insomma come nasce un vostro capo?

Veniamo da mondi diversi, io ho lavorato per anni nella comunicazione aziendale, Marta è un archeologa che da sempre ha respirato aria di moda osservando la mamma che disegnava per le maison romane dell’epoca e anche Reneè è un esperta del settore, avendo lavorato per anni nel maglificio di famiglia.

Perchè scegliere uno spazio espositivo in un mercato rionale?

Cercavamo uno spazio “libero ed aperto” dove le persone si incontrano e chiacchierano senza conoscersi. In molte città europee i vecchi mercati di quartiere sono diventati luogo di aggregazione ed incontro, e a Roma, quello di Testaccio, è sicuramente il più vivace, popolare e tipico, ricco di merci e prodotti. I colori della frutta e della verdura di stagione sono una fonte di ispirazione continua.

Il vostro stile si identifica per essere compy, ma dalla forte personalità.

Sucuramente ci rivolgiamo ad una donna attiva, che deve saper conciliare vita, lavoro e famiglia. Elegante, ma non griffata, dallo stile attuale e confortevole.

La collezione invernale presentava molti capi in velluto (tessuto che io adoro!), quali saranno i tessuti che utilizzerete per questa primavera estate?

Seta, lino, cotone… e non dimenticheremo quello che è il nostro tratto distintivo, il colore!

Qual’è il vostro rapporto con i social, li trovate utili a diffondere lo stile made in Banco34?

Non siamo native digitali, ma siamo coscienti dal valore dei social. Per questo ci siamo rivolte a Giulia, che collabora con noi con la fotografia, e la comunicazione su Instagram e Facebook: essendo cresciuta con le nuove
tecnologie, ha un approccio diretto e un punto di vista che arricchisce la nostra presenza online.

Proprio seguendo i vostri profili, ho notato che spesso postate foto dei capi in abbinamento a creazioni altrui, citando l’autore. Pensate che la collaborazione sia la strada giusta?

Crediamo nel fare rete, e nell’opportunità di crescere insieme proponendo un offerta alternativa a quella del grande mercato e della moda low cost.

3 commenti per Nel cuore di Testaccio, le creazioni di BancoTrentaquattro

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.