Hand Made, Moda, Storie & Viaggi

Amor Y Mezcal, tradizione da indossare

28 maggio 2018

Sapete qual’è l’aspetto davvero unico dell’artigianato?

E’ quello  di produrre, fregandosene dei soli dettami della moda, ciò che invece accade quando parliamo  di marchi low cost.

L’artigianato guarda indietro. Al passato, al mito, alle tradizioni locali ed attira lo sguardo di chi ricerca unicità.

 

Marianna Di Tommaso, italiana trapiantata a Miami, dopo essere stata studentessa, giornalista, è diventata stilista (la rima è casuale!) e crea un brand che erge l’artigianalità messicana, con i suoi colori vivaci ed i suoi valori, a meraviglioso mondo da scoprire e da indossare.

Perchè scegli di lasciarti ispirare proprio dal Messico?

Marianna: “Intanto perchè è vicinissimo, qui il Messico e le sue località turistiche sono la meta prediletta per un week end fuori porta.

Del Messico poi adoro i colori e le contraddizioni,  che solo i popoli che hanno poco, sanno manifestare.

Amor y Mezcal, il nome del brand,  per esempio, si ispira ad un detto locale: “Para todo bien Mezcal, para todo mal tambien” – “Se va tutto bene beviti un Mezcal, ma anche se va tutto male”. La vita va affrontata con lentezza, assaporando le cose semplici e sviluppando un approccio positivo anche verso le avversità.

Durante un mio viaggio in Messico sono rimasta colpita ed affascinata dalla varietà delle tradizioni locali, dalla fusione tra il mondo profano e il sacro e dalla manualità dei suoi artigiani.

Non è semplice relazionarsi con loro, molti non parlano un’altra lingua, non usano le tecnologie così come noi le intendiamo; producono ogni accessorio a mano e per questo  la lentezza è una condizione “necessaria”, bisogna rispettare i loro tempi. Al momento non potrei sostenere una produzione più ampia, proprio perchè non rispetterei più i loro usi e costumi”.

La precarietà, divenuta ora, cosa tristemente nota qui in Italia, può essere considerata una possibilità?

Marianna: “Io appartengo a quella categoria di persone che non ha mai vissuto il piacere di firmare un contratto a tempo indeterminato.

Ho fatto la giornalista (anche la blogger, quando ancora non se ne conoscevano le potenzialità), ma è stata proprio questa mancanza di “legami”  che mi ha spinta ad apprezzare il valore del cambiamento, sia in senso fisico, che lavorativo.

La crescita, per me, è qualcosa in divenire.

Sto molto bene… andando”.

Miami.

Marianna: “Miami è una città che racchiude, al momento, ciò che cerco. Lo stile di vita è dettato dalla massiccia presenza latinoamericana, quindi qui mi sento molto a casa, in molte cose rivedo il mio sud italia; la burocrazia, invece, segue i dettami rigidi del Nord America. 

Nonostante quello che si potrebbe pensare è una città per famiglie. Piena di verde con un clima temperato tutto l’anno“.

Quale è il tuo rapporto con i social?

Marianna: “Molto positivoPensa che la mia tesi, nel 2009, fu incentrata proprio su Facebook. Avevo capito le potenzialità di questo social, nonostante fossi stata anche un pò scoraggiata dal mio docente di allora.

I social sono tutto, vedi Instagram. Sono il mezzo che mi permette di mostrare le mie creazioni, di mantenere i contatti“.

Amor Y Mezcal, le sue collezioni.

Marianna: “Al momento sono tre, create in anni diversi. Ogni modello viene da una regione diversa del Messico.

La mia prima collezione, la Frida shopper bag, nasce traendo spunto dalle borse con le quali in Messico vanno a fare la spesa, per questo è capiente e molto resistente.

La collezione Jute, rappresenta l’incontro tra le antiche culture del Messico e quelle dell’India. Artigiane messicane hanno cucito manualmente gli animali mitologici, il gallo, che rappresenta la rinascita o  il pavone che rappresenta l’integrità.

Poi ci sono le Oaxaca Bags, prodotte nella regione messicana di Oaxaca per l’appunto, ottenute intrecciando a mano la plastica riciclata“.

Quali sono i progetti futuri di Marianna?

Marianna: “Stiamo pensando a borse in tela decorate in paillettes, una linea di tee shirt ed ad una limited edition di capi provenienti dal Guatemala, il buyer potrà scegliere come personalizzarli. Questo, per quanto riguarda il lato lavorativo, per quanto concerne me, spero di riuscire a conciliare sempre meglio il mio essere di mamma, moglie ed imprenditrice; ed in questo sono molto grata a mio marito ed alla mia famiglia, che segue la produzione in Italia“.

Non si può non identificare il Messico con l’artista Frida Kalho.

Marianna: “E’ vero,  ma questo paese non è solo Frida. Io stessa non ho potuto fare a meno di dedicare ad essa una collezione.

Ma la cultura messicana è così ricca di miti, simboli che mi hanno ispirata.

La Vergine di Guadalupe è la protettrice del Messico, riassume nella sua figura il legame tra il sacro e il profano, rievocando la figura della “Morenita” apparsa sul mantello del giovane azteco.

Oppure pensa al Milagros, l’amuleto accessorio alla base della cultura popolare messicana.

Cosa significa indossare un pezzo artigianale?

Marianna: “Significa indossare un prodotto grezzo, passibile di difetti, perchè fatto a mano, ma bello proprio per questo.

Un accessorio diverso perchè imperfetto, può arricchire un outfit, anche se molto semplice“. 

Grazie mille, Marianna,  perchè ci hai mostrato un lato del cambiamento, che a volte sottovalutiamo, l’opportunità di scoprire e scoprirci.

LaLu

 

14 commenti per Amor Y Mezcal, tradizione da indossare

  1. Non solo il Messico ha dedicato a Frida una collezione ma lo hanno fatto anche i grandi della moda, e nelle catene di negozi commerciali il suo volto compare anche in questa stagione su t-shirt a altri accessori. Amo l’artigianato di posti lontani e non solo perché oltre al manufatto trovi anche l’amore
    Baci

  2. Mi piacciono le borse intrecciate, non amo molto i prodotti stile Messico ma devo ammettere che sono fatti molto bene. D’altronde i prodotti artigianali sono pezzi unici e l’artigianato va sostenuto.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

If you agree to these terms, please click here.