Hand Made, Moda

Wonderwool: le borse in fettuccia dal design unico

7 Maggio 2018

Cosa hanno in comune il rap di Missy Elliot e le borse di Wonderwool?

Per la consueta, quanto da me amata, rubrica del “Parlo con te” (sappiatelo le ho dato un nome!) oggi incontriamo Claudia di Wonderwool,  la giovane donna che ho avuto il piacere di intervistare.

Intanto la ringrazio, perchè mentre scrivo non posso fare a meno di muovere in contemporanea testa, spalla e piede al ritmo di Work it https://www.youtube.com/watch e sentirmi molto ’90 style!

LaLu: “Ciao Claudia, Instagram è un posto mediatico bellissimo, che mi ha permesso di ampliare i miei orizzonti e rimanere sempre in compagnia, nonchè sul pezzo! Sono sincera, la prima domanda che mi faccio di fronte a creazioni fatte a mano, è: “le indosserei? ” e quando ho visto le tue minibag non ho potuto non immaginarle già indossate.

Claudia: “Ciao! Ci tengo innanzitutto a ringraziarti per questo spazio che hai deciso di dedicarmi e dirti che mi ha fatto davvero piacere il fatto che qualcuno potesse avere delle curiosità su Wonderwool e su di me, perciò grazie di questa bella opportunità che ho di raccontarmi. Iniziamo!

LaLu: “Ho letto che sulla nascita della tua passione per il lavoro ai ferri, molto ha influito il rapporto con tua nonna, può raccontarmi qualcosa? (Parti dal presupposto che la mia per anni ha tentato di trasmettermi la passione per l’uncinetto, con scarsi risultati)!

Claudia: “Ricordo che fin da piccola mia nonna aggiornava il suo libricino degli appunti con le mie misure che puntualmente prendeva tutte le estati (mia nonna viveva in Sicilia ed io in Veneto). Mi confezionava tanti vestitini, cappelli… aveva pile di riviste del settore da cui traeva ispirazione anche per tutti i suoi abiti. Amavo il fatto che molti dei suoi completi non fossero comprati in un negozio ma fossero cuciti e creati da lei, li rendeva unici così come lo era lei. 

LaLu: ” Ti sei mai cimentata prima, nel lavoro ai ferri?

Claudia: “No mai, perché pensavo di non essere portata,  pur non avendo nemmeno mai provato! Quando è venuta a mancare mia nonna ho sentito come un desiderio fortissimo di sentirmi ancora legata a lei e al suo ricordo, così, più o meno un anno fa, sono entrata in una merceria della città in cui vivo e mi sono iscritta al corso di maglia che frequento tutt’ora una volta a settimana. Non è mai troppo tardi per iniziare qualcosa di nuovo

LaLu: “In che cosa consisteva il primo corso che hai fatto e perchè scegli proprio la fettuccia, ovvero l’avanzo di produzione di tee-shirt di cotone, come materiale”?
Claudia: “Il corso che tuttora seguo mi permette di imparare quanto più possibile riguardo le tecniche del lavoro ai ferri e all’uncinetto. Ho la fortuna di avere una maestra davvero bravissima e paziente che accontenta tutte le mie richieste ed è sempre pronta ad insegnarmi delle tecniche che possano tornarmi utili nel mio processo creativo”.
 
LaLu: “Credi che il fatto di utilizzare un materiale di riciclo, assegni un punto in più alla tua produzione?
Claudia: “Mi piace l’idea di utilizzare uno “scarto” tessile, e credo che questo assegni un valore aggiunto alle mie creazioni e, in più, trovo sia nobile il fatto che anche le strisce imperfette di tessuto che altrimenti sarebbero state gettate, possano trovare nuova vita.
Le mie borse o le mie collane in qualche modo mi rispecchiano e mi piace pensare  che qualcuno possa a sua volta rispecchiarsi in una di esse”.
 
LaLu: “Come nasce il design delle Missy“? (Trovo peraltro molto divertente il legame tra creazioni e musica)
Claudia: “Io sono sempre stata un appassionata di musica. E Missy Elliot ha accompagnato tanti momenti belli.
 Qui ritorno a parlare di mia nonna perché un anno ricordo le chiesi di farmi una borsa da usare per il tempo libero. Non  le diedi tante indicazioni le dissi solo che mi sarebbe piaciuta di colore viola. Mi fece una borsa bellissima all’uncinetto tonda con il manico circolare, perciò posso dire che l’ispirazione è arrivata proprio da lei, l’ho poi adattata al mio gusto per renderla più contemporanea. Sono felice tu abbia apprezzato la scelta di dedicare ogni mia collezione ad un’artista musicale a cui sono legata: la musica ha sempre fatto parte della mia vita fin da piccola ed è anche lei fonte di ispirazione perciò non potevo proprio escluderla dal mio progetto! 
 
LaLu: “Sei una artigiana, quali sono le difficoltà che incontri”?
Claudia: “Leggere “sei un’artigiana” un po’ mi emoziona e un po’ mi imbarazza perché non so se posso meritarmi questo appellativo! Sono sicuramente una ragazza, una moglie e una mamma di un bellissimo bambino di quasi un anno e mezzo e devo dire che, attualmente, le mie difficoltà a volte sono quelle di far combaciare tutti gli impegni che una famiglia ha e le varie esigenze del mio bimbo e riuscire a ritagliare dello spazio per me e per le mie Missy. La passione però è così tanta che faccio il possibile perché ciò avvenga”.

LaLu: “Quali sono gli outfits che secondo te, valorizzerebbero l’indosso della Missy”?

Claudia: “Io penso che ognuna di noi potrebbe indossare Missy in miliardi di modi diversi e riuscire a trovare il giusto abbinamento. Essendo io una persona che ama il total Black ed il sentirsi comoda, la uso spesso con jeans stretto, sneaker, t-shirt e chiodo… ma la trovo bellissima anche con un vestito lungo… insomma Missy è versatile penso che possa adattarsi ad ognuna di voi! “

Grazie Claudia per questa bella chiacchierata.

Intanto io continuo a ballare…

Ah, volete sapere dove trovare le Missy? qui o non esitate a contattare Claudia.

Baci, LaLu

 

15 commenti per Wonderwool: le borse in fettuccia dal design unico

  1. Che meraviglia, ho sempre amato le borse realizzate a maglia e queste in cotone sono un’ottima versione per l’estate anche per i colori adottati.
    PS: Da piccola mi piaceva un sacco lavorare a maglia…adesso, ahimè, non saprei nemmeno come iniziare.

  2. che belle queste borse in fettuccia, mi piacciono perché sono un modello diverso dalle solite borse in fettuccia che vedo di solito. complimenti alla creatrice, il suo è davvero un prodotto originale e diverso.
    ciao!

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.