Hand Made

Come ti riciclo una sedia. Dalla mansarda polverosa alla luce della camera da letto.

2 ottobre 2017

Buon lunedì care! 

Oggi scopriremo insieme i mille modi originali per riutilizzare una vecchia sedia. Altrimenti relegata in soffitta, o venduta per pochi euro in qualche mercato dell’usato.

Scopriremo come sia facile rendere anche il più neutrale degli ambienti, sprizzante di personalità

Sedie pieghevoli ne abbiamo? Avete mai pensato che potrebbero diventare un comodo guardaroba, perfetto per il cambio stagione? Basterà appenderle al muro, aprirle, e richiuderle quando ci servirà spazio.

 

Sempre in tema “ordine”, molto utile è recuperare  la parte superiore della seduta, trasformandola  in gruccia. Perfetta in un angolo della camera da letto, magari per poggiare gli abiti dismessi o quelli scelti per il giorno dopo. E le grucce colorate? Io le vedrei benissimo nella camera dei miei bimbi!!!

In perfetto stile shabby, o per chi ha la fortuna di avere una deliziosa casa in campagna, trovo che sia un ottimo spunto,  riverniciare vecchie sedie, ed utilizzare lo schienale come porta asciugamani, oppure come colorate mensole.

Se avete bisogno di un comodino, ma quelli in commercio vi sembrano troppo moderni, perchè quello che state cercando  è un qualcosa dall’allure più vintage, io mi rifarei allo stile newyorkese dell’appartamento di Carrie Bradshaw. Qualche rivista di moda, una lampada  ed il gioco è fatto.

Io la trovo un idea davvero chic!!!

Così come trovo essenziali nella loro unicità questi complementi di arredo, in cui pezzi di sedia fondono con materie prime diventando una cosa sola. 

In fondo recuperare,  è come guardare vecchie foto, si preservano pezzi di vita…

A presto, LaLu

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrPin on PinterestShare on Google+

39 commenti per Come ti riciclo una sedia. Dalla mansarda polverosa alla luce della camera da letto.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*